Payback e durata di un impianto di pallettizzazione

Linea Pallettizzazione taniche
Pallettizzare taniche
Dicembre 7, 2022
Linea pallettizzazione fardelli di farina
Pallettizzare Fardelli di Farina
Gennaio 20, 2023
Linea Pallettizzazione taniche
Pallettizzare taniche
Dicembre 7, 2022
Linea pallettizzazione fardelli di farina
Pallettizzare Fardelli di Farina
Gennaio 20, 2023

Payback e durata di un impianto di pallettizzazione

Nel momento di valutare l’investimento per un nuovo impianto di palletizzazione, ci sono due parametri che vengono normalmente considerati: il Payback (tempo di recupero dell’investimento effettuato) e il ciclo di vita previsto dell’impianto (per quanti anni potremo utilizzarlo con le normali manutenzioni di routine).

Per il Payback gli aspetti da considerare sono molteplici. Non c’è infatti solo la riduzione dei costi relativi alla forza lavoro, soprattutto per le aziende che lavorano su più turni, ma una serie di parametri quantitativi e qualitativi che contribuiscono a migliorare la qualità del lavoro svolto e, in ultima analisi, l’immagine dell’azienda che ha investito in questa soluzione.

Tra le varie formule che possiamo considerare per un primo calcolo del Payback, forse la più semplice è questa:

P= I/(L-E)

Dove P è il periodo di Payback in anni, I è il costo iniziale dell’impianto di pallettizzazione, L è il costo totale annuale della manodopera che verrà sostituita dall’impianto e E rappresenta il costo totale annuo di manutenzione necessaria al nostro impianto.

Supponiamo, ad esempio, che un pallettizzatore Europack costasse 100.000 €, cifra che comprenderà il prezzo di acquisto, gli allestimenti tecnici dedicati alle esigenze del cliente (testa di presa, sistemi di trasporto dei pallet, magazzino pallet etc.), l’installazione, il training per gli operatori, l’eventuale finanziamento all’acquisto e l’ammortamento del bene.

Supponiamo che l’acquisto di questo impianto permetta all’azienda acquirente, che lavora su due turni di 8h per 220 giorni l’anno, di riposizionare in altre mansioni due operatori precedentemente occupati nell’attività manuale di palletizzazione per ciascun turno di 8h.

Costo manodopera: consideriamo 30.000€/anno per ciascun operatore, quindi 120.000€/anno per quattro operatori su due turni. È chiaro che questo dato può variare a seconda del settore o dell’area geografica, aumentando o diminuendo in questo modo il Payback finale.

Costo energia e manutenzione tecnica: attualmente in Italia il costo medio del kWh è di 0,5€. I nostri modelli da 400 cicli/ora in su consumano 3 kWh, quindi su due turni di lavoro calcoleremo 48 kWh @ 0,5€ per ogni giorno lavorativo (48 x 0,5 = 24€ x 220 = 5.280€/anno) + Manutenzione tecnica: 5.000€/anno= 10.280€/anno.

E quindi:

100.000/(120.000-10.280)=0,92 anni

Possono modificare, come dicevamo, questo dato le variabili dovute al costo annuo del personale operatore, i costi di trasporto iniziali, il costo locale dell’energia. Sarà semplice sostituire ai nostri esempi i numeri reali del vostro settore e della vostra area geografica.

L’accuratezza del calcolo del Payback, a parte dipendere dall’includere tutti gli elementi di costo e di saving relativi al progetto, dipende anche da quanta affidabilità possiamo aspettarci dalla nostra applicazione robotica (il Rischio Tecnico) . Se l’automazione avesse bisogno di frequenti manutenzioni o correzioni e aggiustamenti per operare in modo ottimale, i necessari fermi macchina influirebbero sul Payback aumentandone il tempo necessario.

Una volta terminato il periodo di Payback, resteranno solo i costi di energia e di manutenzione dell’impianto acquistato (l’ammortamento era incluso nell’investimento iniziale) e l’impianto contribuirà alla formazione di utili lordi. A quel punto l’utilizzatore che ha investito nell’impianto di pallettizzazione potrà decidere se migliorare il proprio margine di contribuzione o ridurre il prezzo di vendita dei suoi prodotti.

Durata dell’impianto: abbiamo iniziato a costruire i nostri robot nel 1998 e gli anni successivi hanno permesso un’evoluzione e un perfezionamento costanti del prodotto, aumentandone l’efficienza e la durata. Abbiamo molti clienti che stanno utilizzando i nostri robot da più di 15 anni, con svariati milioni di cicli alle spalle per avere seguito le nostre raccomandazioni di manutenzione periodica. Questa affidabilità è senz’altro un elemento determinante per sfruttare il più possibile l’operatività dell’impianto dopo il periodo iniziale di Payback. I robot Europack accompagneranno la vostra produzione e crescita per molti anni. Il nostro service sarà sempre pronto ad aiutarvi per le manutenzioni di routine, programmate negli anni, o per qualsiasi tipo di intervento e upgrade.


Contattaci per capire in quanto tempo poi rientrare su investire in un impianto di pallettizzazione!