Movimentazione manuale dei carichi ed Automazione

Comparazione robot a colonna vs industriale
Winner vs Industrial Robots
Luglio 5, 2023
Logo Cibus Tec
Europack a Cibus Tec Parma 2023
Settembre 7, 2023
Comparazione robot a colonna vs industriale
Winner vs Industrial Robots
Luglio 5, 2023
Logo Cibus Tec
Europack a Cibus Tec Parma 2023
Settembre 7, 2023
Mostra tutti

Movimentazione manuale dei carichi ed automazione

Come esperti nel campo dell'automazione, discuteremo dei rischi associati alla movimentazione manuale dei carichi e delle leggi europee che regolano questa materia.

A livello europeo, la direttiva 90/269 CEE definisce la movimentazione manuale di carichi come l'azione di trasportare o sostenere un carico ad opera di uno o più lavoratori. Queste operazioni includono il sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico e possono comportare rischi dorso-lombari per i lavoratori, specialmente se le condizioni ergonomiche sono sfavorevoli.

Per prevenire i rischi associati alla movimentazione manuale dei carichi, il datore di lavoro è tenuto a prendere misure organizzative appropriate o a utilizzare attrezzature meccaniche. L'obiettivo è quello di evitare la necessità di movimentare manualmente i carichi da parte dei lavoratori. Nel caso in cui la movimentazione manuale dei carichi non possa essere evitata, il datore di lavoro deve adottare misure organizzative adeguate o fornire ai lavoratori i mezzi appropriati per ridurre il rischio.

Come spiega la direttiva, l’elenco dei mezzi adeguati a valutare il rischio associato alla movimentazione manuale dei carichi, tiene in considerazione: le caratteristiche del carico (peso, dimensioni, stabilità, collocazione iniziale), lo sforzo fisico richiesto, le caratteristiche dell'ambiente di lavoro (spazio libero, pavimentazione, temperatura) e le esigenze connesse all'attività (frequenza dell'attività, periodi di riposo, distanze e tempi di sollevamento).

La movimentazione manuale dei carichi può comportare rischi per la salute, poiché sollecita la colonna vertebrale, essendo tale una leva di base inadatta per il sollevamento. Fattori come la forza applicata, la postura e la ripetizione dei movimenti possono causare fatica e danneggiare l'apparato locomotore. Questi rischi includono distorsioni, lombalgie, ernie del disco, strappi muscolari e lesioni dorso-lombari gravi.

Per evitare tali rischi, è consigliabile sollevare i carichi con la schiena dritta, in modo da minimizzare lo sforzo sui dischi vertebrali. Si raccomanda comunque di non sollevare carichi superiori a 30 kg.

Oltre all'importanza dell'idoneità fisica dei lavoratori addetti alla movimentazione manuale dei carichi, il documento sottolinea l'importanza delle misure di prevenzione e dei comportamenti corretti. Questi includono la meccanizzazione o automazione dei processi di sollevamento e trasporto carichi, l'utilizzo di attrezzature meccaniche a spinta manuale o motorizzate, l'elaborazione di procedure di lavoro sicure e il rispetto delle pratiche corrette durante l'attività lavorativa.

L'automazione e la meccanizzazione dei processi di sollevamento e trasporto carichi rappresentano il modo migliore per eliminare il rischio associato alla movimentazione manuale dei carichi, proteggendo così la salute dei lavoratori, in particolare la colonna vertebrale. L'utilizzo di attrezzature meccaniche adeguate riduce il rischio di forza e sforzo fisico e contribuisce a garantire un ambiente di lavoro più sicuro.

I robot per la pallettizzazione possono apportare numerosi benefici significativi per contrastare i rischi associati alla movimentazione manuale dei carichi.

Innanzitutto, l'utilizzo di robot pallettizzatori riduce notevolmente la necessità di coinvolgere i lavoratori nella movimentazione fisica dei carichi. Questi robot sono progettati per afferrare, sollevare, trasportare e posizionare i carichi in modo efficiente e sicuro, evitando agli operatori umani di eseguire tali compiti impegnativi e potenzialmente rischiosi. Di conseguenza, il rischio di lesioni da sforzo e sovraccarico sulla colonna vertebrale e sul sistema muscolo-scheletrico dei lavoratori viene notevolmente ridotto.

Inoltre, i robot per la pallettizzazione sono in grado di operare in modo coerente e preciso. Grazie alla loro programmazione, possono assicurare una movimentazione uniforme dei carichi, evitando movimenti bruschi o posture scorrette che potrebbero causare lesioni a chiunque sia coinvolto nella movimentazione manuale dei carichi.

La natura automatizzata dei robot per la pallettizzazione comporta anche una maggiore velocità e una capacità di lavorare ininterrottamente, a differenza dell'attività umana che potrebbe richiedere pause frequenti per evitare l'affaticamento. Ciò consente di migliorare l'efficienza complessiva dell'intero processo di movimentazione dei carichi, ottimizzando la produzione e riducendo i tempi di fermo macchina.

Infine, l'adozione di robot per la pallettizzazione contribuisce a migliorare la qualità del lavoro, liberando i dipendenti da compiti ripetitivi e faticosi. Ciò permette ai lavoratori di concentrarsi su mansioni più creative, strategiche e di valore aggiunto, aumentando la soddisfazione professionale e la produttività complessiva dell'organizzazione.

In conclusione, l'implementazione di robot per la pallettizzazione rappresenta un investimento intelligente per mitigare i rischi connessi alla movimentazione manuale dei carichi. Grazie alla loro precisione, affidabilità e sicurezza, questi robot consentono di proteggere la salute dei lavoratori.


Scarica la nostra Brochure con tutte le caratteristiche dei nostri pallettizzatori!